IL CENTRO CIVICO DI S.ALBINO

IL CENTRO CIVICO DI S.ALBINO

venerdì 13 luglio 2018

CARTA IDENTITA' ELETTRONICA DIFETTOSA - VERIFICARE!


ARTICOLI SU SANT'ALBINO - il pressing del Comitato

Anche grazie al nostro Comitato attenzione accesa su:


Richiesta ampliamento Centro civico

Nuovo semaforo (criticità)

In Via Murri supermarket e ristorante (chiediamo progetto dettagliato)

Asfalti Brianza (veniamo al  dunque!)



mercoledì 11 luglio 2018

La proposta di Enrico Sangalli per la valorizzazione del nostro patrimonio storico


Dopo un anno la Lombardia ancora non ha un nuovo Piano per l'aria - Cittadini per l'Aria

Dopo un anno la Lombardia ancora non ha un nuovo Piano per l'aria - Cittadini per l'Aria: In gioco c’è la salute dei lombardi, la giunta Fontana accumula ritardi e sottovaluta il problema inquinamento.

MAIL DEL COMITATO AL VICESINDACO VILLA


Oggi abbiamo inviato al Vicesindaco Simone Villa la seguente e-mail. Vi faremo sapere le risposte. 



Gentile Assessore
Con la presente vorremmo riproporLe alcune questioni importanti che riguardano il quartiere, già sollevate da noi e dalla Consulta, sollecitando una Sua tempestiva risposta :

Primo piano sopra centro civico: l’assegnazione di alloggi da parte dei servizi sociali fatta dalla giunta precedente si mostrò insostenibile (innescando dinamiche fastidiose tanto per i residenti che per i frequentatori del Centro civico). Tanto il Comitato che la Consulta chiedono l’allargamento degli spazi del Centro civico, ad oggi del tutto insufficienti.

Deposito comunale in Via Adda (prospiciente il posteggio di fronte alla scuola Manzoni). Chiediamo che possa diventare un’area utilizzabile dal quartiere (utilizzo tettoia come area feste, chiusura di spazi per una piccola attività di scambio libri e in prospettiva come punto biblioteca del quartiere ecc.)

Situazione Via Offelera – Vorremmo avere informazioni su quanto si sta facendo per contrastare il pesante impatto dell’attività imprenditoriale (abusiva) e il collegato ammassarsi di persone senza acqua, servizi igienici e ritiro rifiuti in un’area degradata e incontrollata.   

Semaforo alla rotonda – Oltre a ribadire il fatto che il semaforo non è stato affatto richiesto da noi (come erroneamente affermato dal sindaco Allevi) e che consideriamo il semaforo un ulteriore aspetto fallimentare della progettazione della rotonda, rimane la preoccupazione per come funzionerà. In particolare da San Rocco provengono Tir a consistente velocità che si troveranno davanti un semaforo rosso senza poterlo vedere tempestivamente! Peraltro a tutt’ oggi il semaforo non funziona.

Altre varie:

Problemi di comunicazione
Come spesso accade raccogliamo dalla stampa info che l’amministrazione non ci dà. In particolare ora costatiamo inizio lavori a nord della Piscina. Ci dicono trattarsi di un ulteriore Centro commerciale (Eurospin?). Inutile osservare che solo su Viale Industrie c’è una marea di spazi commerciali  e che questi non fanno che aumentare smog e traffico e penalizzare le poche meritorie attività commerciali che sopravvivono a stento nel quartiere. Lamentiamo il fatto che recentemente abbiamo incontrato l’Assessore Sassoli e il 19/6 è venuta a Sant’Albino la Giunta itinerante ma non abbiamo avuto alcuna informazione in merito. Ribadiamo la richiesta di essere informati preventivamente e nel dettaglio su progetti che in ogni caso avranno un impatto sulla vita del quartiere.
Analogo esempio riguarda l’assegnazione in affitto al Banco Alimentare di uno spazio attiguo alla Scuola Manzoni. Ovviamente non si contesta l’attività del Banco Alimentare ma su questo spazio sarebbe stato forse meglio sentire preventivamente le realtà locali. 

PS: l'accesso al sovrappasso ciclopedonale da San Damiano è ora ostruito da due travi (per fortuna non cadute sulla testa di nessuno).


Distinti saluti

Il Comitato di quartiere Sant'Albino


Vasca volano est si parte. Allagamenti addio - Qui Brianza News

Vasca volano est si parte. Allagamenti addio - Qui Brianza News: Vasca volano: tutto è pronto. Scatterà a giorni la cantierizzazione per la costruzione della vasca volano di Biassono – Macherio. L’attesissimo bacino artificiale di laminazione delle acque, parallelo a quello di recente inaugurato a Nova Milanese, ha lo scopo di far fronte ai cronici problemi degli allagamenti che interessano parte dei territori dei due comuni confinanti oltre a piccole …

lunedì 9 luglio 2018

SANT'ALBINO - ROTONDA ECC - C' E' CHI VEDE LA PAGLIUZZA MA NON LA TRAVE!


Avevamo evitato di polemizzare sullo stato indecente della rotonda e passerella alla posa della targa per Simone (erano stati ripuliti giusto quei 3 metri quadri). Ci sembrava poco rispettoso per i suoi sollevare questioni.
Ora alla sporcizia abituale e alle erbacce incolte si aggiungono due travi cadute per fortuna senza danni per i passanti. Non serve commentare lo stato dell'accesso da San Damiano (tra guard rail sfasciato, travi cadute, erbacce e tubi volanti).
La Consulta di quartiere in occasione della giunta itinerante del 19/6/18 a Sant'Albino aveva mostrato responsabilità proponendo una propria figura gratuita e volontaria per supportare localmente l'Amministrazione comunale nella gestione delle "piccole opere". Proposta ovviamente respinta.  Andiamo avanti così!






CENTRI COMMERCIALI SPUNTANO COME FUNGHI (DALL'OGGI AL DOMANI E SENZA INFO ADEGUATE A SANT'ALBINO)

La Consulta di quartiere Sant'Albino ha appena incontrato l'Assessore Sassoli chiedendo dettagli su varie questioni sospese, compresa l'Area soprastante la piscina: leggi qui..
http://comitatosantalbino.blogspot.com/2018/05/28518-incontro-della-consulta-di.html

Ora cittadini ci informano dell'inizio dei lavori per un Eurospin.
Chiediamo formalmente di prendere visione del progetto e delle sue ricadute sul nostro territorio.
CQSA








xxxxxxxxxxxxxxxx
Speravo nella sistemazione del parcheggio retro piscina invece temo sia finita la "pax urbanistica ". 
Si parte. Via alla cementificazione violenta al motto "Non ci sono soldi...ma grazie agli oneri di urbanizzazione..."
Commenti

xxxxxxxxxxxHai ragione. Costruiscono un eurospin. Dal quartiere si potrà raggiungerlo solo a piedi. E.con gli oneri avremo il parcheggio nuovo. Senza.l'ennesimo supermercato non.si fa nessuna riqualifica

giovedì 5 luglio 2018

ELEZIONI COMUNALI 2018: I NUMERI DEL NUOVO CONSIGLIO | Brugherio Futura Blog

ELEZIONI COMUNALI 2018: I NUMERI DEL NUOVO CONSIGLIO | Brugherio Futura Blog: Dopo il ballottaggio dello scorso 24 giugno, proponiamo la nostra analisi dei risultati. Sul ballottaggio, più che l’esito finale, che era piuttosto prevedibile considerando il distacco che aveva s…

lunedì 2 luglio 2018

5/7 BARATTO PARTY A MONZA


da Roberto Orizio che ringraziamo


GIOVEDÌ 5 luglio Dalle 18,00 alle 23,00 c/o Ciclofficina Rinnova, Via Ugo Foscolo 13 Monza

BARATTO party
“porta una t.shirt da scambiare” (2 postazioni: bimbi e adulti) - a cura di Mi fido di noi 

- Fab-lab del riciclo a cura dei Professionisti Solidali 
-show cooking speziale e di recupero smart 
-Controllo gratuito e laboratorio di manutenzione bicicletta 
-Porta un campione dell'acqua che bevi per verificarne la qualità 
-Con un filo si puo' fare....da ritagli di scatoloni e avanzi di filato nascono i fior…
-“si può usare ancora!” check rigenerativo del tuo computer e installazione di linus
-gioielli con argento fuso 
-Mag2 finance: il ri-ciclo solidale del proprio denaro

PARTNERS
-FIAB Monzain bici: timbratura telaio (5€)
-Ottica S.Antonio: raccolta di occhiali da donare in missioni in Africa
-Cambiapedale

SHOWS -street sketch - Teatro pedonale ore 18.00-20.00
-balli e musica swing - Studio Danza Monza ore 20.30-23.00

BAR
-prodotti Spiga e Madia e Commercio Equo
-gelateria Grangelato

GARANTITO ANCHE IN CASO DI MALTEMPO



giovedì 28 giugno 2018

Sabato 30/06/2018 alle 9,45 inaugurazione passerella ciclopedonale alla memoria di SIMONE DELLA VELLA. Partecipate!


per cortesia stampare e diffondere! Grazie, CQSA






Sabato 30/06/2018

alle ore 9,45


inaugurazione
 passerella ciclopedonale
di sant’Albino


alla memoria di
SIMONE DELLA VELLA





Verrà posta una targa in loco alla presenza dei parenti
e rappresentanti del comune di Monza



                                                          

                                                        CQSA
                                                                     Comitato Quartiere Sant’Albino





mercoledì 27 giugno 2018

SABATO 30/6/18 ALLE 9,45 TUTTI I SANTALBINESI E SANDAMIANESI ALLA ROTONDA PER RICORDARE SIMONE

Finalmente si intitolerà a Simone la passerella ciclopedonale su Viale Industrie. Verrà apposta una targa. Non mancate! Per ricordarlo e per essere vicini alla famiglia. Perché abbiamo voluto fortemente la  passerella per evitare altre morti. Per ricordare alla amministrazioni che occorre ascoltare la cittadinanza che conosce le situazioni locali e le soluzioni più adeguate meglio dei tecnici e dei politici.





domenica 24 giugno 2018

L'EX ASSESSORE COLOMBO RISPONDE ACCUSE DELLA PRESENTE AMMINISTRAZIONE SU ARUBA















Claudio Colombo 

Vedo che sul progetto Aruba le sparano grosse. Le compensazioni ambientali richieste e poi convenzionate sono quelle previste dal piano provinciale (simili , peraltro, a quelle recepite nel PGT del 2017): le stesse chieste ed ottenute da Esselunga . Non potevamo certo applicare due pesi e due misure: quese sono le cose che è abituato a fare il centrodestra ( ..le cui amministrazioni, non a caso, scivolano spesso sull'urbanistica, con epiloghi nelle aule dei Tribunali). Il fatto è che Aruba, dopo aver firmato la convenzione, ha cambiato le proprie strategie aziendali, acquistando vicino a Bergamo ( Ponte San Pietro) un'area dismessa di quasi 200.000 mq: dimensioni decisamente superiori a quelle dell'area del Malcantone (e di ogni altra area a Monza sfruttabile per interventi con queste caratteristiche).

GIUNTA ITINERANTE A SANT’ALBINO – UNA VISITA POCO ENTUSIASMANTE

Per chi ha premura in fondo c'è una breve sintesi .CQSA

Foto da "Il Cittadino"





Resoconto della  giunta itinerante tenutasi a Sant'Albino il 19 giugno 2018

Erano presenti parecchi  cittadini di Sant'Albino. Ha aperto la riunione il sindaco Allevi il quale sostanzialmente ha lamentato la difficile situazione economica del Comune,  situazione che non consente di realizzare molti dei progetti proposti alla Giunta precedente tramite i bandi “Bipart”.
Ovviamente il sindaco Allevi ha dato una valutazione negativa del progetto Bipart, opinione che il Comitato di quartiere non condivide. Al di là di tutte le critiche da noi già proposte a suo tempo il progetto ha rappresentato infatti una grande esperienza di partecipazione. Riteniamo che si potrebbe dedicare maggiore impegno alla realizzazione dei progetti proposti dai cittadini. In realtà pare che ci sia grande enfasi soprattutto su interventi securitari. Il sindaco ha ricordato in proposito che il 27 giugno ci sarà in comune un incontro per promuovere il “controllo di vicinato”, attività che può avere una utilità sociale ma che rischia di essere gestita in modo propagandistico e pericoloso. Come Comitato preferiremmo che della sicurezza si occupino le Forze dell'Ordine e non gruppi di cittadini, men che meno se organizzati in ronde o in “passeggiate per la sicurezza” come quelle proposte dai neonazisti di Forza Nuova.
il Comitato di quartiere Sant'Albino e la Consulta stessa, del resto, hanno ribadito che a Sant’Albino Il problema della sicurezza non riguarda la criminalità  ma la viabilità e la sicurezza stradale.
La coordinatrice della Consulta di quartiere Sant'Albino Manuela Villa ha illustrato il documento prodotto dalla Consulta stessa e inoltrato alla Giunta prima della riunione. L'assessore Arbizzoni è intervenuto per rispondere alle varie questioni contenute nel documento della Consulta. In primo luogo gli amministratori hanno risposto che il murale dipinto sulla recinzione della scuola elementare non verrà modificato perché si tratta di un'opera d'arte.  La Consulta ha ribadito il fatto che sarebbe stato più opportuno coinvolgere la cittadinanza e soprattutto i bambini della scuola elementare nella progettazione dell'opera. Come Comitato di quartiere Sant'Albino stiamo valutando la possibilità di contattare l'autore per condividere con lui un intervento che coinvolga appunto i bambini della scuola elementare.
Alla richiesta di garantire l'utilizzo gratuito delle sale del centro civico alle associazioni e ai gruppi di cittadini di Sant'Albino è stato risposto che non è possibile e che comunque le cifre da pagare sono limitate.
L'assessore Arbizzoni ha accettato invece la proposta per cui in futuro la coordinatrice e la vice coordinatrice della consulta potranno delegare altri membri o cittadini attivi per partecipare alle riunioni con il Comune in caso di loro impossibilità. 
Rispetto al punto in cui la Consulta chiedeva procedure più elastiche per l'organizzazione della festa di quartiere l'assessore Arbizzoni ha dato disponibilità a ragionarci. Si tratta infatti di superare alcune rigidità burocratiche ed economiche che in passato avevano reso molto onerosa l'organizzazione della Festa. 
Enrico Sangalli ha chiesto che i fondi stanziati dal comune per le biblioteche a Sant'Albino vengano utilizzati per il centro civico visto che non disponiamo di biblioteca.  L’assessore Maffè probabilmente non ha compreso la richiesta e ha risposto che il Comune non stanzia soldi per le biblioteche.
La Consulta aveva chiesto anche la possibilità di utilizzare gli spazi del primo piano sopra il centro civico. In passato questi spazi erano stati assegnati dai servizi sociali a persone in difficoltà. Questo aveva creato gravi problemi perché alle volte i residenti avevano disturbato le riunioni del centro civico. Tra l'altro il nostro centro civico ha dimensioni ridottissime.  La risposta della Giunta è stata che lo spazio sopra il centro civico rimane nella disponibilità dei servizi sociali. Speriamo non si debbano riproporre le  difficoltà già sperimentate in passato.
La Consulta ha chiesto nuovamente di poter utilizzare lo spazio ex Spi-Cgil vicino alla scuola e il deposito presso il posteggio di via Adda che potrebbe diventare uno spazio per le feste di quartiere. Entrambi i locali potrebbero accogliere una biblioteca utile anche alla scuola Manzoni. Non ci sono state risposte nel merito.
Il vicesindaco Villa ha risposto al quesito riguardante la riqualificazione delle piazze Pertini e del Sole e la sistemazione della ciclabile di via Adda . Ha ribadito ancora una volta che non ci sono soldi per questi interventi. Ha garantito però che il monumento in Piazza del Sole è solido e fisso per cui decade la proposta fatta a suo tempo dal Comitato per spostarlo lateralmente utilizzando il centro della piazza per un gazebo sopraelevato in cui tenere spettacoli, concerti della banda eccetera.
Al quesito riguardante l’impianto rifiuti speciali gestito dalla CEM su viale Industrie Villa ha detto ancora che la questione resta comunque assai delicata e che lui si prepara ad un ulteriore incontro in Provincia. Sperem!
Risposta analoga ha dato rispetto alla questione di via Offelera.  Erano presenti anche parecchi residenti che lamentavano soprattutto lo scempio fatto dal proprietario che si è insediato realizzando un parcheggio abusivo dove stazionano dei tir e recentemente anche un camion pieno di bombole di gas che poi è stato rimosso dopo richiesta di intervento ai vigili. Ricordiamo che Legambiente ha presentato una denuncia in merito.  In seguito a questa attività abusiva l'area è sempre più rifugio per irregolari che abitano in situazioni molto precarie, senza acqua né servizi igienici e senza attività di ritiro dei rifiuti. Vi avviene anche un’attività di recupero di ferrivecchi e spesso la sera si bruciano cavi di rame. Ovviamente tutto ciò crea problemi ai residenti delle case nelle vie attigue. Anche in questo caso Villa ha risposto che si tratta di una situazione molto delicata di cui si sta occupando anche la procura.  A questo proposito l'assessore Sassoli ha affermato che un passo intrapreso della giunta è quello di aver affidato tutte le questioni riguardanti l'abusivismo all'assessore Arena che si occupa di sicurezza. Prima infatti c'era uno sdoppiamento di competenze (vigili e edilizia popolare). Intanto però i cittadini aspettano  un qualche intervento.
Il vicesindaco Villa su richiesta della Consulta ha informato che il 30 giugno alle ore 10:00 finalmente ci sarà l'intitolazione della passerella ciclopedonale al povero Simone della Vella, alla presenza dei suoi familiari. Cercheremo di sensibilizzare la popolazione perché presenzi in massa per testimoniare la vicinanza alla famiglia ma anche per ribadire ancora una volta l'insoddisfazione per come il progetto della rotonda e della passerella ciclopedonale sono stati portati avanti senza alcun ascolto dei residenti, coi pessimi risultati di tipo economico e pratico che sono sotto gli occhi di tutti.
Tra l’altro in proposito il Sindaco Allevi ha stravolto la realtà affermando che il semaforo (che secondo noi è posizionato in un luogo/modo pericoloso) sarebbe stato richiesto dai Santalbinesi. Cosa del tutto falsa. I Santalbinesi hanno considerato penosa la soluzione del semaforo. Centinaia di migliaia di euro per ripartorire il semaforo delle origini.





L'assessore Sassoli ha risposto poi ai quesiti riguardanti il parco Sant'Albino e l'area sopra la piscina. Sostanzialmente ha ribadito il fatto che la giunta cercherà di riqualificare le aree dismesse utilizzando però anche tutte le zone edificabili previste dal PGT vigente. Infatti a suo avviso solo gli oneri di urbanizzazione legati a nuovi interventi edilizi possono consentire di finanziare tutti i progetti previsti in questa zona. Sopra la piscina ci saranno degli insediamenti di tipo commerciale. Sassoli ha osservato che tra l’altro le volumetrie previste scenderanno dai 7000 metri quadri iniziali a 2500 metri quadri. Questi interventi dovrebbero consentire di realizzare una fascia boscata che separi il quartiere dall'area industriale e una ciclabile che dovrebbe andare da questi insediamenti commerciali nuovi al quartiere (quindi non la ciclabile da noi richiesta che immaginavamo estendersi fino all’orto giardino comunitario di via Adda). Gli oneri di urbanizzazione dovrebbero consentire anche di sistemare il parcheggio sopra la piscina e di ripristinare l'aria bimbi dove dovrebbero essere anche realizzati un campo di calcio e un campo di basket. Occorrerà anche sistemare l'area cani che non è a norma. L’area sopra la piscina dovrebbe avere dunque come vocazione quella di tipo direzionale e commerciale quindi non prevedere interventi di tipo industriale. Sono previsti anche edifici sempre di tipo commerciale nell’area ex Fiera di Monza. La Sassoli ha chiesto anche che noi si possa fare delle proposte.
Rispetto ai nostri quesiti riguardanti le aree agricole ad est di Via Adda (attivazione di altre ciclabili che rendano tali aree agricole più frequentate dalla popolazione e rese meno appetibili per l'abusivismo) la giunta non ha risposto nulla di importante.
Rispetto alla realizzazione di una cartellonistica per gli edifici storici del quartiere l'assessore Longo ha detto che se ne potrà parlare.
Un'altra proposta della consulta era quella di avere una interlocuzione costante per le piccole opere. La proposta era di indicare un rappresentante competente del quartiere, nel nostro caso Sergio Citelli per parlare regolarmente con il comune e con i suoi tecnici.  La proposta è stata sostanzialmente respinta.
Maurizio Confalonieri del Comitato di quartiere Sant'Albino ha illustrato brevemente il lavoro che si sta facendo per migliorare la situazione delle emissioni di Asfalti Brianza. Data la collocazione geografica ha chiesto un forte impegno di collaborazione intercomunale alle amministrazioni di Monza, Concorezzo e Agrate.
Enrico Sangalli ha chiesto un ulteriore impegno per collocare una barriera sul Villoresi perché in effetti la rotonda all'ingresso di Sant'Albino risulta pericolosa.
il sindaco Allevi e Sassoli hanno poi dedicato un po' di spazio al progetto Aruba. Sostanzialmente hanno attribuito a responsabilità della giunta precedente il mancato insediamento di Aruba al Malcantone. La giunta precedente avrebbe esagerato con le compensazioni richieste ad Aruba. Il sindaco ha parlato di un grave danno perché il progetto originario di Aruba avrebbe potuto nel tempo assorbire 2500 occupati. Francamente il confronto con gli occupati dello stabilimento Aruba di Ponte San Pietro che è 10 volte più ampio di quello ipotizzato al Malcantone ci fanno ritenere che la cifra sia enormemente sovrastimata. Comunque attendiamo eventuali risposte degli amministratori precedenti.
Ora nello spazio di Aruba a Malcantone dovrebbero sorgere degli uffici e dei negozi di vicinato di dimensioni piuttosto ridotte.



Ricapitolando

Sostanzialmente non ci sono soldi per nessun intervento serio (ciclabili, piazza, piazzetta, progetti Bipart, sistemazione rotonda e passerella, aree ad est di Via Adda, spazi per biblioteca scolastica ecc.).
L’accessibilità del Centro civico e gli spazi a disposizione restano quelli (insufficienti) di oggi. Ci è stato ribadito che lo spazio sopra il centro civico non sarà utilizzabile.
A questo punto il Comitato di quartiere cercherà di avviare qualche progetto perché davvero il Centro civico diventi un luogo frequentato dalla popolazione. Basterebbe l'apertura qualche ora al giorno di una sala in cui organizzare una piccola biblioteca per scambio volontario di libri, una emeroteca (stampa locale a disposizione), un PC con connessione internet, una macchinetta del caffè, per scambiare quattro chiacchiere ed iniziare a fare del Centro civico il fulcro di una vita comunitaria.  Da qui potrebbero prendere piede poi delle attività di tipo sociale e culturale più importanti.
Il murale non si tocca nonostante le lamentele della cittadinanza.
 Il parco Sant'Albino dovrebbe venire finanziato con oneri di urbanizzazione e noi del comitato di quartiere chiediamo di poter essere informati di volta in volta del progetto onde evitare spiacevoli sorprese in corso d'opera.
La nostra richiesta di indicare un rappresentante di quartiere per le “piccole opere” non è stata accolta.  
Per quanto riguarda Via Offelera ed insediamento abusivo del posteggio tir per ora non ci sono novità.  Probabilmente come Comitato di quartiere cercheremo di coordinarci con i cittadini e residenti per dar vita a qualche iniziativa di impatto (raccolta firme?).  L'illegalità non va tollerata e anche gli insediamenti abitativi irregolari devono essere monitorati e occorre quantomeno un intervento che attenui il disagio di chi abita attorno intervenendo ad esempio nel recuperare i rifiuti, posizionando dei bagni chimici e monitorando le persone esistenti per avviare dei progetti di integrazione liberando comunque la zona da situazioni improprie.

In definitiva pare che a questa giunta interessi eminentemente la questione securitaria. I soldi ci sono solo per questo tipo di interventi.
La Consulta e il Comitato hanno ribadito che quella che manca a Sant’Albino è la sicurezza stradale, viabilistica, ecologica e ambientale.